#INTERROGAZIONECONSILIARE. AI TEMPI DEL CORONAVIRUS IL COMUNE EROGHI CONTRIBUTI ANCHE AL MONDO DELLO SPORT

Al Sindaco della Città di Ragusa

All’Assessore con delega allo Sport

PC

al Presidente del Consiglio Comunale

 

INTERROGAZIONE CONSILIARE A RISPOSTA SCRITTA. 

OGGETTO: AI TEMPI DEL CORONAVIRUS IL COMUNE EROGHI CONTRIBUTI ANCHE AL MONDO DELLO SPORT

 

I consiglieri comunali D’Asta e Chiavola

 

 

Dato che

La complessità della pandemia da Coronavirus ha determinato e sta continuando a determinare, una gravissima crisi socioeconomica che sta mettendo in ginocchio il nostro Paese. In particolare, tra gli altri, il mondo dello sport a tutti livelli sta pagando gravi conseguenze. Soprattutto lo sport di base composto dalle tantissime piccole associazioni e società sportive dilettantistiche, palestre, società no profit, che sopravvivono grazie all’impegno dei propri dirigenti e al sostegno dei propri associati, che in questo momento storico, però, non possono svolgere attività sportiva organizzata. Le associazioni si sono trovate a perdere i contributi utili a coprire i costi di gestione (affitti, utenze, personale), che a differenza di un’impresa tradizionale che attraverso il profitto può sperare in una riprese futura e ad un recupero dei costi, il no profit, invece, non ha questa possibilità, ma si ritrova ugualmente a dover saldare le spese arretrate. Questo comporterà, se non si prenderanno al più presto dei provvedimenti, la chiusura definitiva di tante palestre, circoli, scuole di ballo o altri luoghi deputati all’allenamento e all’attività sportiva, dove da sempre fin da bambini, adulti, anziani, uomini e donne tutti, sono stati abituati a svolgere ed esercitare la pratica sportiva della disciplina desiderata. Le ASD e SSD rappresentano il tessuto connettivo dello sport dilettantistico, per questo risulta importante considerare nei provvedimenti governativi che si sono adottati e si stanno adottando in questi giorni a sostegno del mondo delle imprese, l’inclusione anche del mondo sportivo dilettantistico formato da quella straordinaria costellazione di piccole associazioni e società sportive che attraverso il volontariato e l’impegno di moltissimi riescono a svolgere una straordinaria funzione sociale

 

Preso atto, a tal proposito,

positivamente del Bonus di 600 euro, da parte del governo, per collaboratori sportivi dal 6 aprile. Una operazione che tocca un settore, come quello sportivo, su cui l’emergenza coronavirus ha comportato conseguenze tangibili legate alle attività di associazioni e organizzazioni di ogni ordine e grado; per la prima volta federazioni, discipline associate, enti di promozione, associazioni e società dilettantistiche avranno lo stesso trattamento delle piccole e medie imprese – ha aggiunto il ministro -. Col decreto, infatti, sono stati creati presso l’Istituto di Credito Sportivo, nel Fondo di Garanzia e del Fondo contributi interessi per l’impiantistica sportiva, i rispettivi comparti per operazioni di liquidità. Strumenti che consentiranno di garantire integralmente cento milioni di finanziamenti a tasso zero per i soggetti sportivi che non possono accedere al Fondo di garanzia per le Pmi. Gli strumenti affidati all’Ics faranno ridurre tempi e oneri per chi ha necessità di liquidità, per poter ripartire con le attività e valorizzare la funzione etica, civile e sociale dello sport”, ha specificato.

 

Ritenuto che

anche il comune debba fare la propria parte, allo stato attuale le asd, ass, palestre e società tutte si ritrovano ad avere spese, a pagare affitti, luce, acqua, e l’obiettivo è tenere in vita lo Sport;

 

-diventa una opportunità importante l’ampliamento dell’utenza che potrà usufruire del pagamento dei canoni di affitto da parte del Comune. Oltre ai privati e alle attività commerciali, artigianali e servizi all’infanzia, lo sport, per le sue funzioni pedagogiche, sociali, di prevenzione complessiva, non può rimanere indietro

 

CHIEDONO

Di erogare contributi alle strutture sportive con attività regolarmente accreditate, autorizzate ed affiliate al CONI

Ragusa 

11.04.2020

Mario D’Asta

Mario Chiavola