Interrogazione consiliare con risposta orale. Disservizi su Ragusa Ibla con conseguenti effetti negativi sul Turismo e Residenti. Chiediamo di intervenire prontamente e con determinazione.

ragusa-ibla1

 

Agli Assessori di competenza

Interrogazione consiliare con risposta orale

Oggetto: Disservizi su Ragusa Ibla/Turismo

I sottoscritti Mario D’Asta e Mario Chiavola

Dato che
-ai grandi risultati che si registrano, in termini di nuovi visitatori, grazie alla presenza dell’aeroporto di Comiso e grazie alla continua promozione fatta dalla fiction tv su Montalbano, non corrisponde un’adeguata organizzazione in termini di servizi turistici da parte dell’Amministrazione comunale;
-l’aeroporto di Comiso (dati Assoaeroporti) cresce più di qualunque altro scalo italiano. Nel mese di aprile 2016 è stato registrato un incremento del traffico passeggeri dello scalo di Comiso del +46.3%: 39.449 i passeggeri transitati (12.492 in più rispetto all’analogo periodo 2015). Nel dettaglio, risulta positiva la crescita del traffico passeggeri in arrivo e partenza sui collegamenti internazionali. Grazie anche all’attivazione del nuovo collegamento per Düsseldorf-Weeze, si registra un incremento del 55.6% (3.100 passeggeri in più rispetto ad aprile 2015, 5.600 considerando i charter). Anche sul fronte nazionale si osserva un incremento, esattamente del +40.8% (circa 6.000 unità). In crescita pure il numero di movimenti di aviazione commerciale (+45.2%).Analizzando i dati pubblicati da Assaeroporti, l’aeroporto di Comiso risulta poi essere l’aeroporto italiano con la maggiore percentuale di crescita in termini di passeggeri e movimenti nei primi quattro mesi dell’anno. I passeggeri transitati nel periodo 1 gennaio30 aprile 2016 sono stati 141.518, con un aumento del +41.8% rispetto allo stesso periodo del 2015. Pertanto  avere inserito una nuova rotta aerea nell’ultimo piano di spesa della tassa di soggiorno va nella direzione giusta;

– che le chiese permangono chiuse e ancora nulla si sa sulla convenzione stipulata tra la Curia diocesana e il Comune per fare in modo che le chiese possano essere espressamente aperte ai turisti. Di certo una circostanza davvero molto pesante che grava parecchio sulle occasioni offerte ai turisti.

-i bagni sono o chiusi o, se aperti,  quasi sempre sporchi;
-il verde pubblico è da sistemare e rivedere;
-per quanto concerne i trasporti risulta in essere una organizzazione scarsa: infatti, dopo le 20,30, da Ibla verso Ragusa superiore, non esiste alcun tipo di collegamento pubblico
– il bus navetta tanto promesso è rimasto nei cassetti delle tante promesse decantate ma mai attuate.
– l’infotourist rimane chiuso nei pomeriggi di sabato e domenica, così come è capitato nei giorni festivi.
-per quanto riguarda la segnaletica mancano le indicazioni da Ragusa Ibla all’aeroporto di Comiso e da Ragusa a Ibla;
-I parcheggi sono rimasti una utopia;
– dato che proprio in questi giorni, , vengono eseguiti, senza programmazione alcuna e senza nessuna pianificazione, dato il periodo di alta stagione (poteva essere scelto un altro periodo dell’anno),  presso i giardini iblei lavori di rifacimento che non consentono ai turisti di visitare i giardini stessi causando evidente malcontento;
– non ultimo sono avvenuti anche degli “scippi” e pertanto anche il senso di insicurezza viene minato;
– dato che il servizio radio-taxi non risponde sempre alle esigenze dei turisti: gira sui social un video di richiesta di servizio taxi, in tarda serata-nottata, da parte di due turiste con mancata risposta da parte del servizio radio-taxi;

Considerato che
– è gia stata inoltrata la richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale aperto
-tutti questi disservizi gravano negativamente sulla percezione dei turisti che vengono a visitarci;

-tutto ciò è stato denunciato in più di una occasioni sia sulla stampa che durante le cosiddette “comunicazioni”;

-su questi temi non è più possibile derogare;

– i turisti vengono a visitarci nel nostro territorio e non meritano di trovare una realtà così disorganizzata.

Dato che
-il turismo rappresenta il volano della nostra economia , il futuro del nostro sviluppo, dobbiamo pertanto trattarlo bene, dobbiamo programmare, pianificare e rendere reali le risposte che i turisti ci chiedono,  dobbiamo rispondere alle reali esigenze dei visitatori, dobbiamo essere all’altezza delle aspettative dei turisti;
-solo così gli stessi tornano nei loro paesi e parlano bene delle nostra comunità ospitante facendo una pubblicità spontanea delle nostre bellezze ed eccellenze, rimarcando anche l’agiatezza vissuta propri con i servizi resi dal comune;
– che Ragusa Ibla rappresenta per le sue ragioni storiche, per il patrimonio monumentale, architettonico, culturale un pezzo di Città fondamentale per lo sviluppo della città stessa e del turismo;

CHIEDENO

Di intervenire per:
-aprire le chiese e dare seguito alla convenzione posta in essere tra la curia diocesana e il Comune di Ragusa;
– aprire i bagni e tenerli puliti ed idonei ad una accoglienza seria e ad una sicurezza igienica opportuna e necessaria;
–  assicurare un verde pubblico degno di nota che possa esaltare la bellezza dei nostri luoghi;
– di rafforzare il servizio trasporti e di istituire il servizio di bus navetta per agevolare gli spostamenti per i turisti ma anche per i nostri concittadini ragusani;
– potenziare la segnaletica che collega Ragusa Ibla con l’aeroporto di Comiso e da Ragusa a Ragusa Ibla;
– potenziare il servizio di infotourist e, pertanto aprirlo, anche nei pomeriggi di sabato e di domenica;
-intervenire potenziando il servizio di sicurezza attraverso una presenza più frequente della polizia municipale e delle forze dell’ordine;
-potenziare il servizio radio-taxi.

Ragusa
16/06/2016

Mario D’Asta
Mario Chiavola